Home   |   Comitato Quad   |   Contatti

header02

header01

Intervista ad Alberto Basso

Pubblicato in Rubrica Piloti il 6 febbraio 2012

Il due volte Campione dell’Italian Baja categoria moto, nonché Campione in carica dell’Europeo Baja, parla di sè.

Dal 1994 impegnato in gare di motocross ed enduro e con 17 titoli all’attivo tra Campionati regionali e interregionali (Triveneto e Friuli Venezia Giulia), Alberto Basso si è avventurato nelle Baja due anni fa, vincendo subito l’Italian Baja di Pordenone e replicando il podio nel 2011, quando ha conquistato anche l’oro europeo. La sua principale qualità in sella è la resistenza. Programmi a breve termine: tornare all’Italian Baja del 15/18 marzo 2012!

Alberto-Basso-1

Alberto, sei in prima fila al nastro di partenza dell’Italian Baja! Sì, non mancherò all’Italian Baja 2012: innanzitutto è una gara molto entusiasmante, dove ho la praticità di giocare in casa, e infine non posso perdere una tappa con validità mondiale, un’opportunità preziosa per il curriculum di noi piloti.

Conosci molto bene le location di svolgimento della gara? Naturalmente conosco il fuoristrada della zona a memoria, semplicemente perché sono nato a Pordenone e cresciuto in Friuli, perciò da sempre mi alleno qui. Sono stato spesso accusato di questo, di “conoscere” i percorsi delle gare friulane…ebbene è utile chiarire che è vero, conosco ogni sasso del Tagliamento, ma come ogni altro crossista della regione che come me corre da oltre 20 anni!

Quest’anno l’Italian Baja ha validità mondiale anche per moto e quad, una nuova sfida. Hai iniziato a gareggiare nell’italiano per una scommessa con il tuo Team Manager, c’è una nuova scommessa in palio per il titolo internazionale? Nel 2010 ho partecipato alla mia prima Italian Baja, raccogliendo la sfida del mio Team Manager Angelo Montico: gli dissi “se mi fai partecipare all’Italian Baja, vinco” e così fu. Ero stato fermo per 3 anni, dal 2006 al 2009, dopo dodici stagioni ininterrotte macinando gare di cross e di enduro e conquistando 17 titoli tra i Campionati Triveneto e Friuli Venezia Giulia. Dopo aver vinto l’Italian Baja nel 2010, l’anno successivo io ed il mio Team Manager abbiamo raccolto una nuova sfida: la partecipazione all’intero Campionato Europeo Baja. Ed è arrivato l’oro (nella foto Basso viene premiato con una medaglia recante il logo dell’UEM –Unione Motociclistica Europea-), dopo tre gare molto impegnative combattute a Pordenone, in Ungheria ed in Portogallo. Effettivamente quest’anno c’è il palio il mondiale…quindi intanto ci presentiamo ai nastri di partenza a Pordenone per la tappa inaugurale. Devo ammettere però che sto valutando di smettere di correre.

alberto-Basso-3

La tua carriera agonistica ora è all’apice…pensi di smettere proprio ora? Ho 43 anni ed una famiglia alla spalle, sono quasi due decenni che gareggio, ed in particolar modo le Baja europee sono molto pericolose. Gare entusiasmanti, per carità, ma lo scorso anno in Portogallo ed Ungheria mi sono trovato in scollinamenti tra i greggi e a viaggiare ad alta velocità in curve cieche. All’Italian Baja invece viaggiamo ad alte velocità, ma a vista!

14 Stagioni agonistiche e 19 titoli tra regionali e nazionali: qual è stata la vittoria più significativa? Sicuramente gli ultimi due anni di competizioni sono indimenticabili: l’avventura con il Team OffRoadMotors in sella ad Husqvarna, il risveglio dal “letargo agonistico”, gareggiare in una nuova disciplina, vincere un titolo Europeo, è stato un bel coronamento per la mia carriera. Ricordo con particolare piacere l’Italian Baja 2010 perché è stata una gara molto combattuta: era presente anche il Team ufficiale Aprilia Giofil che aveva schierato piloti di calibro mondiale.

Sogni nel cassetto non ce ne sono? Sì, anche se sono consapevole che non li realizzerò mai: i Cross Country rally nel deserto. Il mio mito è Ciro De Petri, l’uomo più veloce sulla sabbia africana…ma i rally sono pericolosi, mietono molte vittime ed io ho altri progetti in ballo da portare avanti.

Tornerà quindi il BRP Days? Esatto, nel 2012 si svolgerà la 3^ edizione. E’ una manifestazione che si svolge a Porcia, tre giorni di gare, raduni, spettacolo e musica per moto e quad con la particolarità del motoraduno internazionale Jabusa.

Articolo di Alessandra Manieri
Responsabile Stampa Comitato Quad FMI

Alberto-Basso-2