link.png Dakar: prosegue il dominio argentino


Patronelli e Maffei sono i protagonisti della quinta tappa dakariana, Plechaty continua a stupire. "That's the Dakar" ha commentato Ajeandro Patronelli al termine dello stage. I 427 chilometri di prova speciale hanno portato i piloti da Calama a Iqui...

Patronelli e Maffei sono i protagonisti della quinta tappa dakariana, Plechaty continua a stupire.


"That's the Dakar" ha commentato Ajeandro Patronelli al termine dello stage. I 427 chilometri di prova speciale hanno portato i piloti da Calama a Iquique adagiata sull'Oceano Pacifico: la durissima prova del 6 gennaio ha entusiasmato e messo sotto pressione i partecipanti.




Dakar-2010

Un totale di 459 chilometri per raggiungere Iquiqe, una città del Cile settentrionale che si affaccia sull'Oceano Pacifico che i piloti hanno raggiunto dopo un impegnativo stage di rocce e deserto per il quale hanno dovuto tirare fuori tutto il talento e le tecniche di guida in loro possesso: il bivacco li attendeva in fondo ad una discesa di sabbia di 2.3 km con una pendenza media del 32%!

Prosegue lo scambio del primo gradino del podio tra Alejandro Patronelli, ieri vincitore di giornata, e Tomas Maffei a soli 3 secondi dal primo, mentre alle loro spalle interrompe il dominio argentino Martin Plechaty, il pilota della Repubblica Ceca che prosegue ad accumulare punti e a stupire con la sua tenace performance.


"Questa è la Dakar! -ha dichiarato Alejandro al termine della 5 tappa- E' stata veramente dura, molto faticoso quasi estenuante...Ma questa è la vera Dakar: dobbiamo lottare per resistere. Tomas Maffei sta facendo bene, il che non mi meraviglia perché ha molto talento e lo ha già dimostrato in passato. Per quanto mi riguarda ho solo l'intenzione di proseguire con il mio ritmo con la speranza di portare a termine la Dakar."


Commenta Tomas: "E' stato uno stage molto duro da affrontare, sia in termini di impegno fisico richiesto sia per le difficoltà di navigazione. Duro ma meraviglioso."


A concludere la top 5 della classifica di ieri, di nuovo l'argentino Halpern e per la prima volta dalla partenza di Buenos Aires un francese Christophe Declerck in sella all'Outlaw della Polaris: la motivazione del pilota, unita all'impegno di Polaris Francia al suo seguito, iniziano a dare i loro frutti non solo di giornata ma anche nella classifica provvisoria generale dove il pilota scala in sesta posizione.


Bissa la 14^ posizione la Liparoti, mentre scende in fondo alla classifica Machacek (16° di giornata) con 4 ore di penalità che lo fanno retrocedere in settima posizione assoluta.


Consulta la classifica di giornata del 6 gennaio.

Consulta la classifica generale.

Articolo di Alessandra Manieri