link.png Galaello premia Andrea Jr Cesari: l'intervista


Andrea Jr Cesari si è aggiudicato la prima vittoria di stagione in occasione della 5^ prova del Campionato Italiano QuadCross 2012 presso il circuito di Gazzane di Preseglie: un risultato sudato e di prestigio per il pilota del Team Farioli-Ti...

Andrea Jr Cesari si è aggiudicato la prima vittoria di stagione in occasione della 5^ prova del Campionato Italiano QuadCross 2012 presso il circuito di Gazzane di Preseglie: un risultato sudato e di prestigio per il pilota del Team Farioli-Tity&Amarenas (KTM) e per la compagine giovanile del quadcross nostrano.



Fmiquad-Andrea-Cesari

Le soddisfazioni sono arrivate con la vittoria in Germania quando, il 20 maggio ’12 a Reutlingen, Cesari ha conquistato una strepitosa vittoria europea alla 2^ prova dell’EMX European QuadCross Championship. Da lì ha cominciato a guadagnare punti anche all’Italiano: “Le prime tre gare nazionali ho avuto molti inconvenienti, rotture alla moto o incidenti da gara, ma vedevamo che il passo c’era - racconta Andrea- potevo fare meglio. Poi la prima grande soddisfazione è arrivata in Germania –e da lì ho acquisito ancora più carica e fiducia. Con la gara a Castiglione del Lago finalmente sono arrivati i risultati anche qui in Italia (3° posto in Gara1 e 2° in Gara2), e la vittoria di domenica a Galaello è stata una grandissima soddisfazione”.

Il 24 giugno, infatti, Andrea ha vinto la prima manche di giornata ed ha chiuso in terza posizione la seconda manche, aggiudicandosi l’assoluta di giornata. Una vittoria che ha atteso a lungo, precisamente dalla 3^ prova dell’Italiano QuadCross 2010, in occasione della quale era salito sul primo gradino del podio. Nel 2011 Andrea non si è perso un podio, accumulando argenti e bronzi, e perseverando nell’allenamento che oggi l’ha portato di nuovo al top. Al top della QX1, la classe regina, dettaglio che fa la differenza. Commenta Andrea: “Sono felicissimo, aspettavamo questa vittoria da un po’ di tempo, sapevamo che era nelle mie corde perché i tempi lo dimostravano. Ringrazio il Team Farioli, Extreme Tech e DWT per il supporto”.


Abbiamo chiesto ad Andrea qual è il segreto della vittoria, quanto sia un oro conquistato con la testa: “Sicuramente la componente psicologica è determinante – ha confermato Andrea- migliorare il passo, vincere in Germania, confrontarmi positivamente anche con i colleghi stranieri mi ha fatto bene. Fa la differenza anche il duro allenamento di quest’inverno che mi ha reso più performante”.


Il Campionato Italiano QuadCross si ferma per la pausa estiva, ma ad Andrea lo attende un’estate impegnativa: “A luglio c’è il doppio appuntamento europeo, prima in Belgio, poi in Francia. Non conosco quei crossodromi, so che quello francese è molto impegnativo, ma quello belga dovrebbe avere delle caratteristiche a me congeniali. Poi c’è il Pont de Vaux in agosto, probabilmente parteciperò alla 12 ore con un team belga, al fianco di De Cuyper”.


Il ginocchio infiammato alla gara di San Severino Marche è in netto miglioramento, perciò auguriamo ad Andrea un in bocca al lupo per i prossimi appuntamenti agonistici.


Articolo di Alessandra Manieri