link.png Maglia Azzurra QuadCross 3^ manche


S'infrange il sogno italiano di raggiungere il podio: in terza manche Cesari rompe il motore, Montalbini fora la gomma. Sfortunatissima ultima manche di gara qui ad Oss, in Olanda, alla Sfida delle Nazioni Europee Quadcross 2012. La batteria era comi...

S'infrange il sogno italiano di raggiungere il podio: in terza manche Cesari rompe il motore, Montalbini fora la gomma.


Sfortunatissima ultima manche di gara qui ad Oss, in Olanda, alla Sfida delle Nazioni Europee Quadcross 2012. La batteria era cominciata piena di speranze, con un'Italia in quarta posizione provvisoria di giornata e due piloti carichi, pronti a dare il massimo.



MA-2012-Oss-15

Gli azzurri non scattano benissimo alla partenza, ma Montalbini si assicura il settimo posto e poco più dietro lo rincorre Cesari; poi succede l'irreparabile, solo al primo giro Cesari cappotta, sembra in seguito ad un contatto durante un sorpasso: perde tempo, Cesari, per girare il mezzo e rimetterlo in marcia, riparte ultimo e inizia l'inseguimento impossibile. Nel frattempo Montalbini si attesta in ottava posizione, che mantiene a lungo (nonostante guidi senza freno posteriore) fino a quando malauguratamente fora la gomma posteriore. Inizia la discesa in classifica di Montalbini, il "toro" italiano che non molla mai, ma è costretto a lasciare 3 posizioni chiudendo all'undicesimo posto. Prima del ventesimo minuto, invece, Cesari, che nel frattempo aveva iniziato la rimonta, rompe il motore e finisce la sua gara.

Protagonisti della terza manche sono innanzitutto i francesi: con un passo superiore Warnia e Couprie dominano la batteria, solo alla fine Warnia fa un errore che lo relega dal primo al terzo posto; Couprie si assicura la vittoria di manche, e il giovanissimo Mengelis chiude secondo, portando in vetta la Lettonia. Ferratissima gara dell'olandese Maessen (4°), dell'inglese Holmes (5°), del belga De Cuyper (6°), dell'inglese Winrow (7°).


L'Italia chiude la Sfida delle Nazioni Europee di QuadCross 2012 al 6° posto. Una posizione di tutto rispetto in un crossodromo di sabbia così diverso dai terreni italiani, ma allo stesso tempo una conclusione sfortunata, con due rotture di mezzi (Torraco in prima manche e Cesari in terza manche) ed una foratura di gomma (Montalbini in terza manche). Insomma, gli Azzurri hanno dimostrato che, anche qui ad Oss, potevano fare di più, avevano il fiato, il talento, la concentrazione per lottare. Dove potevamo arrivare senza questi imprevisti?


Come da pronostico, secondo la classifica ufficiosa,  vince l'assoluta di giornata la velocissima Francia, seconda la Gran Bretagna, terzo il Belgio. 


Comunicato Stampa N° 57/2012
Alessandra Manieri
Responsabile Stampa Comitato Quad FMI