link.png A Ponte a Egola Montalbini conquista il suo 5° titolo


Ponte a Egola (PI) – Il sole si vela e il caldo si fa meno afoso per Gara 2. La Sport nuovamente apre la sfida al Santa Barbara di Ponte a Egola per la 5. prova del Maxxis Campionato Italiano Quad e Sidecar Cross. La pista è stata bagnat...

Ponte a Egola (PI) – Il sole si vela e il caldo si fa meno afoso per Gara 2. La Sport nuovamente apre la sfida al Santa Barbara di Ponte a Egola per la 5. prova del Maxxis Campionato Italiano Quad e Sidecar Cross. La pista è stata bagnata e quindi i piloti si trasformano in 'fango a motore'. Migliori scatta bene ma Massimo Neri lo tallona e lo passa con Varaldo terzo e la grandiosa Carla Gamboni quarta. Migliori al secondo giro getta via gli occhiali mentre Ruggeri recupera la quarta posizione. Poi Neri molla e lo passano Migliori, e poi Varaldo, Ruggeri, Fulgeri e Gamboni. Le posizioni restano fisse ma all'ultimo giro la Gamboni sbaglia una marcia e la passano. Finisce ottava e davanti a lei arriva Mattia Papa che non ha vissuto una buona manche, sesto alle spalle dello spagnolo Remuinan, quinto.

La giornata va a Migliori, davanti a Ruggeri e Varaldo.

Nella Junior Galizzi non si distrae più alla partenza e schizza primo fin da subito. Filippo Rossetto ce la mette tutta ma non riesce a farsi sotto e la gara finisce con Galizzi primo, vincitore di giornata davanti a Rossetto.

Quando tocca ai Veteran insieme ai piloti del Trofeo Centro Sud, la pista si è notevolmente asciugata. Davide Gigli parte in testa ma di nuovo Cristian Pinoli lo lascia scappare per poche centinaia di metri e a metà giro lo supera, andandosene a correre una gara per conto suo. Alle sue spalle dapprima c'è Gigli, ma poi lo passano sia Rossetto che Grola. Nel trofeo invece questa volta parte bene Persichilli che si sistema davanti a Simone Mangia e Rodolfo Salustri, mentre Testa è quarto del gruppo. Poi Salustri, che ha già vinto matematicamente il Trofeo, si lascia sfilare da Testa mentre Mangia tenta di recuperare su Persichilli. Le posizioni non cambiano e sul traguardo Pinoli vince, e conquista la giornata, davanti a Rossetto e Grola. Persichilli vince la giornata su Mangia e Testa, mentre Salustri può già festeggiare la vittoria del Trofeo.

Fra i sidecar scatta bene anche questa volta il 38 di Costa Porporato e alla prima curva sono fianco a fianco i due Bernardini e Righi Ravera. Poi arrivano Complanati Piana e si acchiappano la seconda posizione fcendo il vuoto dietro. La terza e quarta posizione si combatte fra Bernardini e Righi, ma poi arrivano gli australiani, che avevano rotto in Gara 1, e riescono a superare dapprima Righi, e poi anche Bernardini, ma sul traguardo poi i Bernardini sono terzi davanti a Righi. Pozzi Ceresa rompono il cambio e sono costretti al ritiro, così come Gamba Costa, mentre Mattoni-Gualatrucci si rovesciano e sono costretti a ricorrere alla cure mediche. Niente di grave per loro, per fortuna, mentre Costa-Porporato vincono gara e giornata davanti a Complanati Piana e Righi Ravera.

Gara 2 dell'Elite Internazionale regala emozioni a non finire: mentre Montalbini scatta davanti a tutti Ullastres resta incastrato nel cancelletto e si ritrova ultimo. Comincia la sua rimonta mentre Joao Vale alita sul collo del campione marchigiano e Andrea Cesari Jr è ottimo terzo, davanti a Vila, Perazzolo, Marchionni e Ciceri. Al secondo giro Ullastres ha già superato Marchionni e Ciceri e Perazzolo sente lo spagnolo farsi sotto fino a che lo passa e cerca di andare a prendere Vila. Nel frattempo Montalbini va sempre più forte e si libera di Joao Vale – da questa gara con i colori Errezeta – fino a che il portoghese si ferma qualche secondo e Cesari ne approfitta per agguantare la seconda piazza. Perazzolo cede alla stanchezza e rallenta vistosamente e gli ultimi giri vivono della battaglia, senza sosta, fra Ullastres e Daniel Vila che non molla neanche un metro e riesce a mantenere la posizione. Sul traguardo Montalbini è primo e conquista con una gara d'anticipo il suo quinto titolo italiano consecutivo. Dietro di lui ci sono Cesari, Vila, Ullastres, Joao Vale, Marchionni, Ciceri e Perazzolo. La giornata premia Montalbini su Ullastres e Cesari.