link.png SUPERMARE QUADCROSS - Rosolina Mare 2021


SUPERMARE QUADRCORSS - ROSOLINA MARE 20-21 Febbraio 2021 

BUONA LA PRIMA PER IL SUPERMARE QUADCROSS

-Rosolina Mare 20 febbraio 2021- DAY 1 

I raggi di un caldo sole si sono allungati sulla battigia di Rosolina Mare dove oggi ha avuto luogo il primo appuntamento sulle 4 ruote artigliate. 11 i competitors che si sono avvicendati su un bellissimo tracciato di 1800 metri. A difendere il titolo della categoria QX1 Internazionale è stato Paolo Galizzi, oro 2020, pronto a bissare il risultato anche in questa stagione. Nella categoria Sport il mattatore è stato Eddy Ghizzo, ormai un punto di riferimento per le gare su sabbia. Carla Gamboni si aggiudica l’argento nella categoria Sport mentre il bronzo è stato di proprietà di Michele Marco Monti. Il podio della QX1 internazionale si completava con Nicolò Roagna e Mattia Ioli, mentre Majcol Porracin ha fatto sua la 4^ posizione.
Già domani sarà di scena il 2° appuntamento Supermare Quadcross. 

 

GH010115.00_17_23_40.Immagine025.jpg        GH010115.00_11_18_44.Immagine006.jpg      GH010115.00_10_15_40.Immagine005.jpg

 

 

-Rosolina Mare 20 febbraio 2021- DAY 2
La 2^ giornata dedicata al Supermare Quadcross ha riproposto il medesimo copione del day 1 con Paolo Galizzi #17 a fare da mattatore, a scalare il gradino più alto del podio e proiettato a mettere la nuova firma sul Titolo Azzurro della disciplina con l'ultimo appuntamento stagionale a Maccarese.
L'argento di giornata nella categoria QX1 Internazionale è stato di proprietà di Nicolò Roagna, mentre Mattia Ioli ha scalato il 3° gradino del podio; Majcol Porracin si è attestato in 4^ posizione.
Eddy Ghizzo si è imposto, senza difficoltà, nella categoria Sport lasciando dietro di sé una lunga scia di avversari: Carla Gamboni, Michele Marco Monti, rispettivamente 2° e 3° di giornata, ed ancora Gianmarco Monaci, Lorenzo Bortolozzo, Michael Peron e Simone Mangia.

GH010115.00_31_03_41.Immagine041.jpg     IMG-20210221-WA0034.jpg      IMG-20210221-WA0036.jpg

 

Ufficio Stampa: Attila Pasi